Settanta primavere anche per Caetano Veloso

Oggi 7 di agosto è dia do aniversário di Caetano Veloso che compie settant’anni tondi tondi. Festeggia il compleanno poche settimane dopo Gilberto Gil che ha raggiunto anche lui quest’anno le settanta primavere e che ha diviso con Caetano tantissime cose; dallo stato di nascita (Bahia) all’esperienza del tropicalismo, alla reclusione ingiusta in carcere sotto il periodo della dittatura. Una volta usciti dal carcere i due sono partiti come esilio volontario per la volta di Londra, un destino che hanno seguito tante altri artisti brasiliani, e dalla capitale Inglese hanno poi riorganizzato le loro carriere strepitose.

Chiaramente non c’è bisogno di dire chi è Caetano Veloso, e non è un modo per risparmiarsi di scrivere due parole sotto il caldo estivo. Diciamo solo per completezza e per qei tre che non lo sapessero, che è un personaggio importantissimo della MPB, un pezzo da novanta della musica mondiale (non solo brasiliana) con le sue collaborazioni, con i suoi premi vinti in tutto il mondo, con le influenze che ha garantito a generazioni di musicisti e che ha anche mutuato dalla musica mondiale: basti pensare alle sue reinterpretazioni in chiave bossa dei classici napoletani o della musica leggera italiana (mi viene in mente Luna rossa per esempio).

Però non ha caso ho usato il termine “personaggio” perchè lui è sempre stato un po’ un personaggio di rottura in un certo senso, anche se il pubblico brasiliano gli ha sempre tributato un successo costante, direi pure meritato. Io su questo blog ho spesso detto che non è proprio il mio cantautore preferito e della sua generazione preferisco Chico Buarque (per fare un esempio che non centra niente è un po’ come la Fender Stratocaster e la Gibson Les Paul, le due chitarre che hanno fatto la storia della musica rock, ogni rocker dirà che una è migliore dell’altra e farà l’elenco interminabile degli utilizzatori per avvalorare la sua scelta). Ma al di là della mia preferenza per Chico questo non toglie che Caetano sia stato e continui ad essere oggi (anche se un po’ dietro le quinte) un grandissimo artista, forse l’artista più suonato, reinterpretato della sua generazione perchè i suoi pezzi si prestano per trasformazioni anche radicali.

Comunque per augurare a Caetano un buon compleanno ho fatto un disegno velocissimo sul mio taccuino degli schizzi in questo giorno 7 di Agosto caldissimo. Ho preso come riferimento il Caetano Veloso giovane, pieno di capelli e magrissimo, e l’ho fatto per tanti motivi, ma principalmente perchè da giovane era più spigoloso e con una faccia caratteristica. E poi anche perchè i pezzi che più mi piacciono di questo autore sono quelli di quella fase storica.

Auguri Caetano, lunga vita e tante canzoni ancora per emozionarci sempre!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...