I’m alive: la salvezza del pianeta passa per la musica

blog_1

I musicisti sono sempre stati tra le categorie più sensibili rispetto i temi della preservazione degli ecosistemi naturali. Si sono sempre preoccupati di  difendere a spada tratta le aree verdi probabilmente perché cantano del bello, o perché suonano con strumenti fatti spesso di legno, o semplicemente perché parlare di rispetto della natura è una cosa di moda che contribuisce a renderli molto più popolari.

Tutti si ricorderanno la battaglia fatta da Sting una ventina di anni fa contro il disboscamento della foresta amazzonica: le sue conferenze stampa con a  fianco  il capo Indio vestito in maniera tradizionale hanno fatto il giro del mondo. Molti ricordano solo questo momento non la seconda parte della storia, quando gli Indios da vittime del sistema economico che li sfruttava si sono trasformati in imprenditori delle loro aree, arricchendosi con la vendita del legno pregiato che era stato “salvaguardato” dal fondo che la rockstar aveva creato per loro, riuscendo anche a strappare al governo brasiliano la promessa che alcune zone di foresta non sarebbero state toccate. Dicono che il Dio biondo, come era chiamato il cantante inglese dagli Indios, ci sia rimasto molto male, comprensibilmente.

Ma al di là degli interessi economici, che da quello che abbiamo appena visto fanno gola a tutti, a tutti i livelli, l’attenzione per la preservazione degli angoli verdi del mondo continua ad essere un problema molto sentito. E questa lunga introduzione ci porta  all’argomento del post di oggi che parla di una campagna realizzata dalla ONG Rainforest Alliance, chiamata I’m Alive (si è voluta internazionalizzarla con la presenza della narrazione in inglese della modella Gisele Bundchen e con la partecipazione di ospiti stranieri come vedremo in seguito) che cerca di condividere il rispetto per la biodiversità del pianeta partendo dalle foreste brasiliane. Nello specifico si tratta di un filmato che è stato girato nella Foresta di Tijuca, situata nel cuore di RJ, una delle più grandi (se non la più grande) foreste urbane del mondo.

blog_2

Ma veniamo ai protagonisti di questa campagna che sono tutti musicisti brasiliani: accanto ai più famosi Caetano Veloso e Lenine, ci sono  Criolo, Emicida, Sistah mo Respect  e Pretinho da Serrinha che come si intuisce al nome sono prevalentemente dei rapper. La colonna sonora è di Caetano Veloso che in un album molto bello del 1972 dal titolo alternativo di “Transa” (“accoppiamento amoroso” ma il senso è più viscerale 🙂 ) aveva inserito una canzone a tema che era Nine Out of Ten. L’internazionalizzazione è garantita oltre che dalla voce (e dalla presenza) di Gisele Bundchen che è la modella brasiliana più famosa al mondo, anche dalla versione in spagnolo della canzone che è affidata a Jorge Drexler popolare in brasile perché collabora con quasi tutti, ma famoso soprattutto per aver vinto l’oscar con la canzone colonna sonora del film “I diari della motocicletta“).

Ora non resta che mettere il link del video, bellissimo, veramente molto suggestivo (e non potrebbe essere altrimenti perchè la Tijuca é encantadora). L’arrangiamento di questo pezzo è veramente ben fatto e questo mi fa pensare a quanto le canzoni di Caetano pur bellissime spesso sono state “vestite” male, con arrangiamenti che non le hanno mai valorizzate appieno. Opinioni personali chiaramente.

Dal momento che la canzone fa parte di un programma di salvaguardia delle foreste qui, sul sito ufficiale della Rainfoest Alliance, potete donare qualcosa per scaricare il brano del video I’m Alive.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...