Rio 2: continuano le avventure di Blu e Gioiel (e famiglia)

Da qualche giorno è uscito nelle sale Rio 2 – Missione amazzonia il sequel del film di animazione Rio del 2011 prodotto dalla Blu Sky Studios e incentrato questa volta, come si può intuire dal sottotitolo, sulla foresta amazzonica, da sempre minacciata da sfruttatori senza scrupoli. Per chi non avesse visto il primo film (che ho recensito qui quando usci) tutta la vicenda ruota intorno a Blu e Gioiel due rarissime aras blu, gli unici esemplari della loro specie, che in questa seconda pellicola devono anche fare i conti con tre piccole pesti nate dal loro amore.

rio2-6

Il padre e i figli sono perfettamente integrati nello stile di vita carioca: hanno quasi perso il legame con la natura, preferiscono fare colazione con pancakes e panna anziché cibarsi di noci e granaglie che la mamma procura tutti i giorni. Quest’ultima (che nella versione portoghese si chiama Jade) e l’unico membro della famiglia ad avere ancora integro l’istinto per la natura e venendo a conoscenza del fatto che in Amazzonia sono state trovate tracce di loro simili, decide di coinvolgere la famiglia in una impresa impossibile: spostarsi da Rio de Janeiro nel mezzo della foresta amazzonica per ricongiungersi con le loro radici.

rio2-5

L’impresa è veramente impossibile perchè gli uccelli si sono molto “urbanizzati”. Blu, il papà, non vorrebbe partire  e chiede una opinione ad alcuni suoi amici volatili (gli stessi protagonisti del primo film) e alla fine decide di intraprendere questo viaggio perchè “mulher na boa, vida boa“, preferisce accontentare la moglie e farla felice per non vivere una vita di inferno. Il viaggio è un incubo,  gli uccelli hanno perso l’istinto di migrazione, non sanno orientarsi e si perdono, si aiutano con un navigatore satellitare che non serve a niente. Ma nonostante tutto arrivano a destinazione.

Ora non voglio raccontare tutta la sinossi, prima di tutto perchè magari qualcuno desidera vedere il film, ma soprattutto perchè non è semplice, visto che in questo secondo episodio ci sono sia i vecchi personaggi sia alcuni personaggi nuovi molto divertenti, come una ranocchia velenosa che si innamora di un vecchio pappagallo bullo, ma non può toccarlo perchè lo ucciderebbe… quindi soffre le pene dell’amore. Dico solo che questi uccelli finiscono con lo scoprire la colonia di loro simili, e devono integrarsi in questa nuova vita meno cittadina, combattendo contro tre tipologie di “nemici”: i nemici di questa colonia (che sono altri pappagalli); i loro vecchi nemici (che nell’altro film erano stati messi fuori uso ma ora ritornano all’attacco per vendicarsi) e i nemici umani (che sono le persone senza scrupolo di cui parlavamo prima che pensano di sfruttare le risorse della foresta amazzonica, disboscando a più non posso).

rio2-7

Il film è un po’ uno stereotipo del Brasile, e non potrebbe essere altrimenti, visto che essendo un film di animazione si semplifica molto. In particolare il reveillon all’inizio permette di fare un giro panoramico della città e di inquadrare subito lo scenario. Vengono presentati gli elementi “scenografici” caratteristici (il bondinho, l’immancabile Cristo Redentor e gli scorci tipici della città) ma anche alcuni aspetti del carattere carioca, come ad esempio la furbizia dei venditori ambulanti.

rio2-4

Insomma il film è molto divertente, se vi piace il genere chiaramente. Secondo me vale la pena vederlo solo per le scene di balletti su musica brasiliana, come quello delle tartarughe che fanno la capoeira o la sfida territoriale tra pappagalli a colpi di futebol, che no país do futebol non poteva mancare. Il calcio è infatti usato dai pappagalli come strumento per consolidare il possesso di aree di foresta, e non ha un carattere per niente giocoso: “è una guerra” spiega uno dei capi a Blue, una cosa molto seria

Questo è il trailer ufficiale: ho scelto quello portoghese perchè secondo me il doppiaggio è molto più in stile.. combina meglio con i personaggi:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...