Raquel Brust e le sue gigantografie di persone comuni

brust1

In questi giorni a São Paulo è in corso una esposizione di fotografie di una artista gaúcha che si chiama Raquel Brust, che rappresenta ritratti di persone stampati in grande formato. E fin qui niente di diverso da quello che può capitare in qualunque mostra di fotografia del mondo. La cosa originale è che queste fotografie rivestono i piloni che sostengono il viadotto Minhocão, una strada sopraelevata che collega la zona est con la zona ovest della capitale paulistana, e sono enormi, tant’è che arrivano fino a 6 metri di altezza.

Queste 18 fotografie ritraggono persone comuni, del posto, che l’artista ha fotografato nelle due settimane precedenti all’esposizione e che ora campeggiano nello spazio un po’ oscuro del viadotto, dove queste persone, insieme ad altre, vivono o transitano, scrutando i passanti con i loro occhi di dimensioni generose.

ProjetoGiganto6Ho messo alcune immagini prese da internet per far capire l’effetto che può fare una foto così grande collocata in un luogo di passaggio quotidiano: è certamente una cosa assustadora, che fa paura, anche perchè Raquel ha scelto volti caratteristici, come quello di un morador de rua, un senza fissa dimora di cui lei stessa dice: “Ele tem um olhar um pouco questionador, como se estivesse observando a cidade, ouvindo os ruidos. Acho que ele é a cara do Minhocão” (Ha uno sguardo un po’ indagatore, come se stesse osservando la città, ascoltando i rumori. Credo che sia il volto del Minhocão). Con queste foto Raquel ha voluto dare anche visibilità a gente normalmente invisibile.

ProjetoGiganto1I ritratti sono da sempre uno dei soggetti più comuni per chi fotografa, sia esso un professionista o un amatore. Perchè il ritratto è coinvolgente, racconta le persone, e lo fa in maniera diversa a seconda della sensibilità del fotografo. Dagli albori, la fotografia è sempre entrata in competizione con la pittura soprattutto in questo ambito della ritrattistica, perchè è stata vista come uno strumento più popolare, democratico, per consentire a chiunque di possedere il proprio ritratto personale (o della propria famiglia), per se stessi o, soprattutto per i posteri, cosa che prima era appannaggio solo delle persone benestanti. Poi con il tempo i fotografi si sono affrancati da questa visione “funzionale” della fotografia e hanno sviluppato un aspetto più artistico, cercando maniere sempre più personali di ritrarre le persone, cambiando le prospettive, zoomando per isolare i dettagli, o allargando la ripresa per contestualizzare il soggetto in un ambiente o, meglio ancora, per leggere la sua personalità, la sua natura e descriverla al mondo.

E questo viene fuori da queste gigantografie: una visione a volte tanto personale del racconto di questa artista da far si che pure gli stessi soggetti ritratti, in certi casi non fossero in grado di riconoscersi, come è capitato con una signora anziana di 88 anni che ha detto di se che non si vedeva bene nella foto ma che la considerava un incentivo per vivere meglio!

ProjetoGiganto4Io ho trovato interessanti due cose leggendo un articolo del Jornal Nacional della Globo: il fatto che la maggiorparte delle persone ha pensato che le foto riguardassero personaggi famosi, ma non sapevano dire chi fossero (e questo è legato al fatto che nel nostro immaginario più grande è meglio è, e se ti mettono in un posto pubblico devi essere importante per forza). E l’altra cosa è che alcune di queste foto sono state oggetto di azioni vandaliche (sono state spruzzate con lo spray), ma questo ha reso molto felice l’artista che ritiene raggiunto così l’obiettivo che si prefissava, cioè far si che queste opere si integrassero nell’ambiente circostante, e il gesto vandalico è, in un certo senso, una forma di “dialogo” tra la città (che è fatta anche di questo) e il suo lavoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...