Dia do Holocausto

Come è noto, oggi (27 gennaio) tutto il mondo ricorda le vittime della follia nazista e anche io voglio esprimere un pensiero su questo argomento. Intanto parliamo di “follia nazista” giusto per non ricondurre tutto lo scempio dell’ Olocausto solo a quel frustrato con i baffetti, ma anche per coinvolgere nella sporca faccenda tutte quelle persone che direttamente (con l’azione criminale) e indirettamente (con la viltà del silenzio) lo hanno sostenuto nei suoi deliri.

Che cosa centra il Brasile in questo caso? Forse poco, non essendo stato compreso nei territori iniziali dello sterminio della seconda guerra mondiale. Ma sicuramente ci sarà qualche persona che in questo momento anche dall’America Latina ricorderà questa giornata, perchè in qualche modo la ricollega a qualcosa di terribile, come un parente morto o una storia di sofferenza. La stessa presidente Dilma Roussef, continuando una tradizione cominciata da Lula negli anni passati, si è recata oggi a Porto Alegre per un omaggio alla memoria dell vittime dell’ Olocausto.

In questi casi l’argomento è così tristemente ingombrante da essere universale. Vorrei che fosse chiaro che non scrivo queste righe perchè “lo devo fare”, perchè “tutti lo fanno”. Nessuno me lo impone, ma scelgo volontariamente di farlo perchè SENTO di farlo. E per questo motivo scelgo di mettere un video preso da Youtube che ho scaricato tempo fa ed ho nell’iPod  (perchè non di sole cose allegre vive Vincenzo 🙂 ma ha tante altre passioni musicali e non) ed è il bellissimo tema del film Schindler’s List di Spielberg composto da John Williams.

In questo pezzo si condensano due cose che mi colpiscono molto: intanto la musica bellissima nella sua malinconia, orchestrata magistralmente da un compositore che non dovrebbe essere ricordato solo per ET, Guerre Stellari e Jurassic Park e poi l’interpretazione di un grandissimo (ma proprio grande) violinista contemporaneo Itzhak Perlman, che è riuscito a controllare la sua malattia non lasciandosi sopraffare, adattandosi ad essa e non soccombendo (un grande insegnamento per me).

Questo è il link della performance. Warning: è ad alto contenuto emotivo..

Da domani si continua a parlare di Samba, Bossa, Telenovelas, Poesia e tutto il resto…oggi un po’ di rispetto per la memoria di chi è stato coinvolto nella barbarie della follia nazista (tutti compresi, non solo quel frustato con i baffetti).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...