Elisa Lucinda e la corruzione brasiliana

Ho tradotto velocemente una poesia di Elisa Lucinda,  una poetessa ma allo stesso tempo una scrittrice e cantante brasiliana, che si chiama Só de Sacanagem e tratta il tema delicato della corruzione, che in Brasile vive dimensioni molto grandi ed è diffusa purtroppo a diversi livelli. Ma siccome noi non stiamo molto meglio a fenomeni di corruzione, sono sicuro che si potrebbero tranquillamente riciclare questi versi e applicarli senza troppi problemi alla realtà Italiana.

Ho aggiunto anche un video preso da youtube dove la stessa autrice recita il suo poema. Ci sono alcune divergenze tra il testo da me tradotto e la versione di Elisa Lucinda del video, dove lei si prende alcune libertà, come ad esempio modificare delle parole o ripetere alcune cose più volte. Del resto la poesia è sua e può farne quello che vuole. Ma il senso generale dovrebbe essere mantenuto. A questo proposito voglio precisare che mi sono “azzardato” in questa traduzione solo perchè mi piace molto questa poesia (come in generale le altre cose di questa autrice) , certamente non mi voglio improvvisare un traduttore, anzi nutro sempre profondo rispetto (e  sana invidia) per chi cerca di prendere un mondo, con le sue sfumature, e la sua unicità e cerca di farlo entrare in un altro, magari caratterizzato da una mentalità completamente diversa. In ogni caso se qualcuno volesse commentare per modificare, suggerire o integrare qualcosa, è bene accetto e la cosa non può che farmi piacere.

Il mio cuore sta palpitando! Quante volte la mia speranza sarà messa alla prova? Per quante prove ancora dovrà passare?
Tutto questo che sta nell’aria: valigie, mutande che volano imbottite di denaro. Del mio denaro, nel nostro denaro che mettiamo da parte duramente per educare i bambini più poveri di noi, per prenderci cura gratuitamente della loro salute e della salute dei loro genitori. Questo denaro viaggia nei bagagli della impunità e io non non ne posso più.
Quante volte, amico mio, ragazzo mio, la mia fiducia sarà messa alla prova? Quante volte la mia speranza attenderà sul molo ?
Certo i tempi difficili esistono per far perfezionare gli apprendisti, ma non è giusto che le bugie dei cattivi brasiliani vengano a sbattere sul nostro naso.

Il mio cuore è nell’oscurità. La luce è semplice, alimentata dal consiglio semplice di mio padre, di mia madre, dei miei nonni e tutti i giusti che li hanno preceduti. “Non ruberai!”, “Restituisci la matita della compagna”,”Questo temperamatite non è tuo, figlia mia”.
Invece, ho dovuto ascoltare tante cose vili e disgustose! Anche
Habeas Corpus preventivo, cosa della quale non ho mai sentito parlare, e sulla quale la mia povera logica ancora insiste: questo è il tipo di beneficio che solo al colpevole interesserà! Bene, si mischieranno con me, con la vecchia e fedele fede del mio popolo che soffre, così adesso voglio fare una malignità ! Voglio rimanere ancora più onesta. Solo una malignità!

Diranno: “finiscila di essere ingenua! Da Cabral (1) a questa parte tutto il mondo ruba! ”
E io risponderò: “Non importa! Sarà questo il mio carnevale! Voglio avere fiducia una volta ancora. Io, mio fratello, mio figlio e i miei amici.”
Pagheremo onestamente quello che dobbiamo e riceveremo onestamente dal nostro cliente. Con il tempo, impareremo a essere liberi, etici e a barattare.
Diranno: “è inutile, tutti qui sono corrotti, a cominciare dal primo uomo che è venuto dal Portogallo”
E io risponderò: “Non lo ammetto! la mia speranza è immortale, avete capito? immortale!”
Lo so che non è possibile modificare l’inizio, ma se vogliamo si può modificare il finale!

(1) Pedro Alvares Cabral, esploratore del 1500.


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...